Le nuove promesse dell’atletica: Eleonora Rizzo

dic 23rd, 2006 | By | Category: Vivere lo Sport
  • Share/Bookmark

223CIVITAVECCHIA – Prosegue il nostro viaggio tra le nuove promesse dell’atletica. Dopo aver conosciuto Luca Tassarotti è la volta di Eleonora Rizzo, uno dei migliori talenti della Tirreno Atletica Civitavecchia. Da sempre allenata da Giancarlo Peris, mitico tedoforo di Roma ’60, Eleonora, classe 1990, ha iniziato a praticare atletica all’età di 6 anni non appena compiuti. Da piccolissima si è cimentata in diverse discipline, tra cui velocità, ostacoli, campestre e lanci, fino a specializzarsi tre anni fa nel giavellotto. Proprio la pratica di diverse discipline nell’infanzia rappresenta il suo elemento di forza in una specialità molto tecnica come quella del giavellotto, che richiede al tempo stesso qualità diverse tra loro come forza, agilità e resistenza.

Che il giavellotto fosse la specialità di Eleonora lo si è capito nel 2004 quando, ad appena 14 anni, si è laureata campionessa regionale nella categoria “Cadette” conquistando poi la medaglia d’argento ai campionati nazionali. Da allora è cominciata ovviamente una pratica agonistica dell’atletica ed un miglioramento costante, che quest’anno, al primo anno da “Allieva”, l’ha portata a raggiungere un personale di 41,96 metri; una misura superiore al minimo di partecipazione addirittura dei campionati italiani Assoluti e distante appena 4 cm dal minimo per i campionati europei Allieve.

<Purtroppo ho realizzato questa misura ad ottobre, quando i Campionati italiani Assoluti si erano già disputati – spiega Eleonora – Ma il 2006 è stato un anno tormentato per me, dal momento che ho sofferto ripetutamente di forti dolori all’anca e alla schiena. Questa estate mi sono dovuta fermare per due mesi e non volevo nemmeno partecipare ai campionati italiani Allieve; poi ho deciso di gareggiare ugualmente con appena due settimane di allenamento e sono arrivata quinta con 38,55m. Qualche settimana dopo invece ho realizzato il personale di 41,96. Insomma, nonostante i problemi fisici patiti i risultati sono stati buoni e questo mi convince che in futuro potrò migliorarmi ancora molto>.
Quanto tempo dedichi all’atletica?
<Mi alleno quasi tutti i giorni, tranne la domenica: tre volte sul campo di atletica e tre volte in palestra, anche se ora sto facendo molta fisioterapia proprio per superare i guai muscolari di questa estate>.
E’ difficile per te conciliare studio e sport?
<Non è difficile, sono stata sempre abituata a conciliare le due cose fin da piccola. Ora frequento il terzo liceo scientifico, anche se ammetto che preferisco molto di più allenarmi e capita spesso di dedicare più tempo all’atletica che non allo studio. Anche se è meglio che questo i miei professori non lo sappiano…>
Dovendo dedicare molto tempo all’atletica, ti pesa rinunciare a qualche divertimento?
<Non credo di rinunciare a molto. L’atletica è il mio più grande divertimento e quindi non sento di dover rinunciare ad altre cose. Del resto, piuttosto che trascorrere il mio tempo in comitiva o in motorino, preferisco di gran lunga lanciare il giavellotto, senza per questo privarmi di quei divertimenti che ogni ragazza della mia età si concede>.
L’atletica è sempre stato uno sport molto dispendioso. Com’è il tuo rapporto con la fatica?
<Allenarmi mi piace e la fatica non mi spaventa, anche se voglio sfatare un mito, quello secondo il quale il giavellotto è una specialità poco faticosa. Di fatica invece ce n’è tanta. E’ una fatica diversa indubbiamente, più mentale che fisica, ma ugualmente pesante. In pochi secondi devi armonizzare ed eseguire alla perfezione una decina di movimenti diversi e se ne sbagli uno fallisci il lancio. Si tratta di un gesto tecnico difficilissimo e pertanto serve molta concentrazione, per questo è logorante quanto può esserlo una gara di mezzofondo. A me capita spesso di finire l’allenamento con il mal di testa. Ma le sensazioni che si provano sono stupende. Io e il giavellotto ormai siamo una cosa sola. L’emozione che provo al momento del lancio è qualcosa di meraviglioso e difficilmente descrivibile: quando vedo il giavellotto volare in aria sento come elettricità tra stomaco e petto, è come se il motore di una moto mi rombasse dentro…>
E il rapporto con il tuo allenatore invece com’è?
<Bellissimo. E’ un rapporto di autentica amicizia…anzi no, è come un rapporto tra padre e figlia. Con Giancarlo parlo di tutto, anche della mia vita personale, dei miei interessi…tra un allenamento e l’altro, dato che è anche un professore di lettere, mi ha pure insegnato a comporre sonetti, madrigali e ballate>.
Quali sono i tuoi obiettivi per la prossima stagione?
<Voglio fare almeno 45 metri…anzi devo farli! Perché sono convinta di valere questa misura. E poi voglio provare a vincere i campionati italiani Allieve. Quest’anno, se avessi lanciato il giavellotto a 41,96 ci sarei riuscita, quindi voglio assolutamente provarci nel 2007>.
E il tuo sogno agonistico invece qual è?
<Lo scorso anno, quando gareggiavo nella categoria “Cadette”, sono stata inserita nel Club Pechino 2008, il team di giovani atleti seguiti con particolare interesse dalla Federazione nazionale in vista delle Olimpiadi. Quelle di Pechino chiaramente sono ormai irraggiungibili, ma nel 2012 o nel 2016 potrei esserci. Personalmente sono una persona ambiziosa. Partecipare ad una Olimpiade è il mio sogno e voglio provarci fino in fondo>.
Hai un ricordo particolare della tua vita agonistica a cui sei particolarmente legata?
<Era il 2004 ed il giorno prima di una gara, chiacchierando con Giancarlo Peris, gli dissi che non avevo mai mangiato una aragosta. Lui mi disse che se il giorno dopo avessi lanciato il giavellotto a 38 metri, la misura minima per andare ai campionati italiani di categoria, mi avrebbe portata a mangiala. Allora avevo un personale di 36 metri; il giorno dopo feci 38,01 m e lui mi portò subito a cena fuori. Da allora l’aragosta è diventata il nostro portafortuna>.
21/12/2006
[http://www.centumcellae.it|Centumcellae]

  • Share/Bookmark

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.


ALTRI ARTICOLI DELLA CATEGORIA:

Blog Archives

Tavolo Tecnico per la Cultura dell’Agibilità Civitavecchia richiede la Commissione locale per rilascio Patenti Speciali

mag 17th, 2021 | By
tta-passeggiata

Il  Tavolo Tecnico per la Cultura dell’Agibilità - attività di organizzazione per la tutela dei cittadini – di Civitavecchia richiede al Vice Presidente della VII Commissione Regionale – Dott. Paolo Ciani – la Commissione locale per rilascio Patenti Speciali Civitavecchia 16 Maggio 2021 La commissione si incontrerà a via Cadorna martedì 24 settembre, Il  Tavolo Tecnico
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


Regione lazio: audizioni sui Diritti delle persone con disabilità

apr 19th, 2021 | By
regione-lazio-barriere-architettoniche

ELENA DE PAOLIS: “Proposta di legge piena di tante condivisibili iniziative e intenti”. Diritti delle persone con disabilità, nuove audizioni sulla proposta di legge regionale n. 169 concernente: ”Promozione delle politiche a favore dei diritti delle persone con disabilità” Roma 13/04/2021 – Sentita la presidente della Consulta regionale per la salute mentale, Daniela Bezzi Si è
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


Il Governo Draghi vara i decreti di Spadafora: APPROVATA LA RIFORMA COME CAMBIA LO SPORT.

apr 17th, 2021 | By
associazioni-sportive-dilettantistiche-asd-2-studio-turnaturi

tt-magazine_n2_web In extremis il Governo Draghi vara i decreti di Spadafora Abolizione del vincolo, ma non solo: tutte le novità su Associazioni ed Enti Dilettantistici, Registro Sportivo www.altroconsumo.it inchiesta_cartellini-sport 20 Altroconsumo 322 • febbraio 2018 I giovani dilettanti non sono liberi di cambiare squadra quando vogliono, per anni. E all’ombra del vincolo, nasce il business di chi chiede soldi per il riscatto. SPORT
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


Elena De Paolis: “serve un vero cambiamento culturale e sociale per fronteggiare la sfida dell’inclusione messa alla prova dal Covid-19

feb 17th, 2021 | By
img-20200108-wa0008

 MAURO ALESSANDRI, Assessore ai Lavori Pubblici e Tutela del Territorio, Mobilità della Regione Lazio: “Approvati criteri per CONTRIBUTI AI COMUNI per eliminazione barriere architettoniche “strumento prezioso per i Comuni che decidono di lavorare concretamente all’accessibilità del proprio territorio” Civitavecchia 16 Febbraio 2021 Comunicato Stampa La presidente Elena De Paolis del Tavolo Tecnico “la Cultura dell’agibilità”
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


CALCIO. Gli allenatori di Eccellenza e Promozione chiedono chiarezza al presidente Zarelli

nov 10th, 2020 | By
calcio-x-allenatori

I tecnici dei campionati laziali hanno scritto una lettera al Cr Lazio per chiedere una decisione chiara. Tra di loro anche gli allenatori di Civitavecchia, Corneto Tarquinia e Ladispoli www.bignotizie.it Civitavecchia Novembre 9, 202048 Alzano la voce gli allenatori di Eccellenza e Promozione del Lazio. Lo fanno per mezzo di una lettera inviata al presidente Zarelli
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


Tutti gli articoli della categoria