13 MOSSE DELL’ARTE DI EDUCARE: Ascoltare. Il Bollettino Salesiano – Ottobre 2013

ott 30th, 2013 | By | Category: Vivere lo Sport
  • Share/Bookmark

Le tredici mosse dell’arte di educare   COME DON BOSCO – di PINO PELLEGRINO

 8. Ascoltare

Da mesi veniamo proponendo le principali mosse dell’arte di educare.

Siamo partiti dal “seminare”, siamo passati all’”aspettare”, al “parlare” al “risplendere”… ed eccoci all’”ascoltare”. 

Sì, ascoltare i figli perché l’ascolto è una delle più belle facce dell’amore.

Perché forse non vi è via migliore per imparare a fare i genitori che quella di “sentire” i figli.

 

L’arte di educare Strategie pedagogiche. Il Bollettino Salesiano Gennaio 2013

 

A sentire i figli non si sbaglia mai

A sentire i figli non abbiamo che da guadagnarci.
I figli (specialmente se bambini) ci dicono subito quello che pensano.
Lo dicono chiaro e tondo.
Per questo un loro giudizio, una loro opinione, può valere dieci anni di inchieste.
Si noti che parliamo di ‘bambini’, non di ‘adolescenti’. Le parole degli adolescenti, infatti, possono essere filtrate dal loro punto di vista, talora interessato.
Le parole dei bambini, invece, sono senza filtri. Dietro ad esse ci siamo noi, in presa diretta, c’è il nostro modo di comportarci, il nostro modo di educare.
Subito qualche esempio per provare che non stiamo andando per farfalle.
Walter (nove anni) fotografa il papà: “Se rido, quando c’è la partita, papà scoppia!”.
Forte è Monica (otto anni): “Papà, vorrei che quando mangi, non sputi nel piatto!”.
Molto acuta è Stefania di sette anni appena: “Per la mamma la cosa più brutta del mondo è strisciare sulla cera dell’anticamera. Per il papà è quando non trova i suoi wafer”.
Che cosa vogliamo di più per convincerci che i bambini non sono cretini, non sono babbuini? Minori sì, minorati no!
I piccoli hanno le loro opinioni, i loro giudizi sinceri, severi e veri.
Perché, allora, non ascoltarli?
Ha tutte le ragioni la pedagogista Patricia Holland a ricordarci che “sarebbe bene che i bambini venissero ‘ascoltati’, tanto quanto sono ‘guardati’”.
D’accordo al 100%! I bambini li guardiamo troppo (fino a non lasciarli respirare!) e li ‘ascoltiamo’ poco. Ebbene, questa è l’occasione per ascoltarli.
Leggete ciò che segue!
Una sola nota: non ingurgitare, ma sorseggiare, messaggio dopo messaggio, e ‘ruminare’.

A loro la parola

“A te mamma ho una cosa sola da dirti: che gridi troppo!”. (Marco, sei anni)
“Quando a sera torna a casa mio papà mi sembra di essere in vacanza”. (Maria, sette anni)
“Mia nonna è come un aspirapolvere: ogni cosa che si poggia per due minuti sul tavolo è sparita!”. (Loredana, otto anni)
“Appena c’è il telegiornale papà si mette a gridare: ‘ladroni!’, ‘codardi!’, ‘banditi!’”. (Nicola, otto anni)
“Quando ti recito la lezione, mamma, i tuoi occhi sono sfavillanti e si vedono i tuoi denti bianchi”. (Lorenzo, otto anni)
“Tu mamma dici sempre le bugie. Esempio: la sera quando vado a letto, mi dici: ‘Mi lavo i denti e poi ti faccio compagnia’ e poi non vieni mai. Capisco che sei stanca, ma io preferirei che mi dicessi che non ne hai voglia!”. (Laura, dieci anni)
“Io mi arrabbio quando tu mamma mi dici che se nascevo femmina, tu mi chiamavi Michela e poi cominci a chiamarmi Michela”. (Franco, undici anni)
“Tu mamma sei stata brava a sposare papà!”. (Walter, otto anni)
“La mia mamma fa la casalinga e così deve mantenere anche mio papà che lavora soltanto”. (Margherita, sette anni)
“A tavola papà sgrida sempre la mamma perché la bistecca è troppo dura. Io ci rimango male perché le grida di papà mi rovinano la digestione”. (Alessandro, nove anni)

IN CONCRETO

Non diciamo al figlio: “Lasciami in pace. Sono troppo occupato. Cosa vuoi ancora?”.
Sediamoci vicino.
Concentriamo la nostra attenzione tranquilla su di lui.
Non sbirciamo continuamente l’orologio.
Guardiamolo in faccia. Non si ascolta solo con le orecchie, ma con tutto se stessi. Si ascolta con lo sguardo, con gli occhi accoglienti che fanno capire che lui, il figlio, rappresenta per noi il mondo.
Ascoltiamolo con il cuore. Dicono che l’amore sia cieco. Niente di più falso! Certe notizie le dà solo il cuore, non la mente!
Ascoltiamolo con simpatia, anche se non siamo d’accordo sui suoi hobby, su alcune sue stranezze.
Non interrompiamolo tutti i momenti, lasciamo che si sfoghi, si sciolga.
Rispondiamo a tono alle eventuali domande.
Se tale sarà il nostro ascolto, non solo regaleremo al figlio un’ottima medicina psichica (l’ascolto è sempre terapeutico!), ma anche una straordinaria esperienza di incontro umanizzante, cioè educante: incontro indimenticabile e più efficace di mille parole.
Le parole si possono dimenticare, gli abbracci no!
Ascoltare è abbracciare!

I DUE AMICI

Tanti anni fa vivevano in Cina due amici.
Uno era molto bravo a suonare l’arpa, l’altro era molto bravo ad ascoltarlo.
Quando il primo suonava o cantava una canzone che parlava di montagna, il secondo diceva: “Vedo la montagna come se l’avessi davanti!“. Quando il primo suonava a proposito di un ruscello, quello che ascoltava diceva, estasiato: “Sento scorrere l’acqua tra le pietre!“.
Ma un triste giorno l’amico che ascoltava si ammalò e morì.
Il primo amico tagliò le corde della sua arpa e non suonò mai più!
Esistiamo, veramente, solo se qualcuno ci ascolta!

 

  • Share/Bookmark
Tags:

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.


ALTRI ARTICOLI DELLA CATEGORIA:

Blog Archives

Consorzio “Litorale In Volley”: con il “Progetto 360” lo sport in aiuto dei ragazzi

dic 1st, 2019 | By
cs-x-360

Con il “Progetto 360” lo sport in aiuto dei ragazzi 29 novembre 20190211 CIVITAVECCHIA – Presentato martedì 26 novembre, presso la conferenze della Fondazione Cariciv, il “Progetto 360”, promosso dal Consorzio “Litorale In Volley” con il patrocinio del Comitato Regionale FIPAV Lazio e Territoriale di Viterbo, dell’ASL ROMA 4, del Comune di Civitavecchia. Presenti i
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


Città di Civitavecchia: attività sportiva gratuita negli impianti comunali per famigliari disagiati

ott 14th, 2019 | By
civitavecchia-stemma_it-242x300

Civitavecchia 4 Ottobre 2019 Avviso per avvio dei bambini/ragazzi appartenenti a nuclei famigliari disagiati, all’attività sportiva gratuita, negli impianti di proprietà comunale E’ pubblicato un avviso pubblico per l’avvio dei bambini/ragazzi appartenenti a nuclei famigliari disagiati, all’attività sportiva gratuita, negli impianti di proprietà comunale. Le domande redatte su apposito modello reperibile sul sito del comune
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


CAMERA IPERBARICA : appello ai sindaci del comprensorio del Litorale Nord di Roma

set 30th, 2019 | By
camera-iperbarica-2

Gianfranco Forno: se veramente la struttura, nell’area in cui si trova ora per la facilità di accesso dalla via Aurelia (a lato dell’attuale struttura) non può stare più in area demaniale, si potrebbe valutare di sdemanializzare tale area e lasciarla in loco. 29 settembre 2019085 CIVITAVECCHIA – Un appello ai sindaci del comprensorio affinché si attivino sinergicamente
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


Il Bollettino Salesiano: Bambini al guinzaglio. Non stiamo esagerando?

set 20th, 2019 | By
201902

Bollettino Salesiano FEBBRAIO 2019 Bambini al guinzaglio. Non stiamo esagerando? Vi sono piccoli che indossano un braccialetto. No, non è un cinturino o un orologio, ma un sensore. Quando il pargolo si allontana dal campo visivo il ricevitore di cui è munita la mamma, si mette a suonare. Allarme rosso! La madre scatta e intercetta
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


Il Bollettino Salesiano: Il picchio deve la sua salvezza al fatto di usare la testa. Vale anche per l’uomo…

ago 9th, 2019 | By
bollettino-salesiano-gennaio-2019

https://issuu.com/biesse/docs/01_gennaio_2019 Come DON BOSCO PINO PELLEGRINO RAGIONIAMO Il picchio deve la sua salvezza al fatto di usare la testa. Vale anche per l’uomo. I goal della vita si fanno, utilizzando il cervello. Ragioniamo! È pericoloso lasciar vincere i folli! La dinamite non serve, bastano le idee. Il tracollo morale che è sotto gli occhi di
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


Tutti gli articoli della categoria