Oscar Lini. Calciatore tra i più grandi, di tutti i tempi, del Calcio civitavecchiesenato

lug 14th, 2016 | By | Category: Personaggi Sportivi
  • Share/Bookmark

Roberto Melchiorri: è deceduto uno tra i più grandi, di tutti i tempi, prodotto del Calcio civitavecchiese. Romiti: “Nessuno del Civitavecchia calcio al funerale di Oscaretto” – Nato 1 ottobre 1928 – morto 9 Luglio 2016  di Civitavecchia

“E n s i R i g o r e”.

Le scarpe da calcio, quando c’erano, erano dure come sassi. Sembravano scarponi con i tacchetti o le striscette (strisce di suola orizzontali sotto la scarpa). Quando si consumavano, di solito irregolarmente, i chiodi a sostegno bucavano la suola e si infilavano nelle piante dei piedi. Correvamo lo stesso.
A tal proposito Oscar Lini, uno dei più grandi del calcio professionistico civitavecchiese, mi ha raccontato che quando provò con la Lazio (poi giocò in “A” con la Roma, esordio contro la Sampdoria), al termine della prova il magazziniere gli si avvicinò dicendo : “ sei un fenomeno”.
“ Sì davvero sono andato bene” La risposta piena di soddisfazione e di ottimismo di Oscaretto.
“Ma chi t’ha visto giocà – ribattè il magazziniere- sei un fenomeno perché m’hai da dì come hai fatto a giocà co’ du’ sinistri”.
In effetti Lini aveva giocato con gli “scarpini” dell’argentino Flamini, (mezz’ala sinistra di gran classe della Lazio di quegli anni), morbide come guanti e l’abitudine alle normali scarpe da calcio dell’epoca non gli aveva fatto riconoscere la destra e la sinistra.

Oscar Lini. Nato 1 ottobre 1928 a Civitavecchia – morto 9 Luglio 2016

“Roberto Melchiorri dei Veterani dello Sport”

Oggi è un giorno - scrive sul proprio profilo Facebook Roberto Melchiorri dei Veterani dello Sport e grande amico di Oscar Lini - profondamente triste per il calcio, in particolare quello locale. È deceduto Oscar Lini,

. Oscar, già da ragazzo dimostrava di avere ottime qualità calcistiche, tanto da essere denominato ‘‘Mazzoletta’’, viene lanciato in prima squadra dagli allenatori Del Moro e Melchiorri, giovanissimo, poi ceduto alla AS Roma, dove dopo aver debuttato si infortuna al ginocchio,viene ceduto all’Avellino in Serie B, poi alla Torres e al Colleferro.

Nella stagione 57-58 ritorna a Civitavecchia, diventando uno dei principali artefici del Titolo Italiano Dilettanti.
È Lui, che da capitano, all’Olimpico, alza la Coppa al cielo.
Intraprende la carriera da allenatore, come secondo di Malinconici, poi come responsabile del settore giovanile, poi della prima squadra.
Allena a più riprese il Civitavecchia Calcio, il Santa Marinella, il Tarquinia ed altre società. Nel Civitavecchia, tra i tanti ottimi risultati, è l’artefice della salvezza in Serie D nella stagione 1973-74 conseguita con il pareggio di Cassino all’ultima partita. Successivamente si dedicò alla Direzione Sportiva, e ottenne ottimi risultati in speciale modo a Viterbo».
Infine, intervistato telefonicamente, Roberto Melchiorri racconta un’aneddoto su Oscar Lini.
«Era una persona semplice – conclude Melchiorri – diceva spesso ‘‘chi è più bravo, alla fine viene premiato’’. Questo era il modo di vedere il calcio e la vita di Oscar Lini».

“Giampiero Romiti”

“Nessuno del Civitavecchia calcio al funerale di Oscaretto”
http://www.trcgiornale.it/ - Scritto da Redazione Lunedì 11 Luglio 2016 15:41
“Lo sport civitavecchiese ha tributato l’ultimo commosso saluto a Gradinoro Lini, Oscaretto per tutti, sicuramente uno dei più grandi talenti calcistici che hanno dato lustro alla nostra città dagli anni quaranta ai sessanta del secolo scorso. Personaggio straordinario Oscaretto, favoloso per la sua semplicità ed ancor più per la fantastica capacità di “dialogare” con la sfera di cuoio in maniera splendidamente confidenziale e per la facilità di saperla trattare con eleganza, raffinatezza, insomma classe.
Splendida la sua carriera malgrado un tiro mancino della malasorte abbia provato ad interromperla in maniera violenta stante il suo doloroso infortunio (ginocchio in frantumi) con sulle spalle la prestigiosa maglia giallorossa della Roma in quel di Marassi nel maledetto pomeriggio del suo debutto nella massima serie contro la Sampdoria. Oscaretto ha saputo comunque trovare gloria e consensi a livello di serie C appropriandosi anche del record assoluto della categoria relativo al numero di reti segnate in un solo match, precisamente 5, indossando la maglia della Torres di Sassari. E per non farsi mancare un’altra perla da aggiungere alla lunghissima collana di successi, il titolo italiano conquistato con il Civitavecchia allo stadio Olimpico di Roma. Era la stagione 1957/58. Ma domenica mattina, in religioso silenzio, avvolta dalle severe pareti di una Cattedrale colma di commozione, la bella città d’incanto di quei specialissimi giorni si è trasformata nella pessima città di (in)cant…astorie che colpevolmente e senza giustificazione alcuna è riuscita a dimenticarsi di Oscaretto, ovvero di uno dei suoi figli sportivi prediletti. Lui, punta di diamante della società calcistica nerazzurra per averle saputo conferire prestigio ed onore, non ha ricevuto neppure un fiore dagli attuali dirigenti del club che indossa gli stessi colori e che evidentemente non possono ricordare chi veramente ha toccato vette paradisiache, impegnati come sono oggigiorno a fare i conti con la propria scadentissima dimensione nella quale certamente non avrebbe mai potuto inserirsi un “gigante” come Oscaretto Lini. Ma tant’è: a noi e a tutti coloro che fino all’ultimo istante han voluto stringersi intorno al loro campione resta la soddisfazione di aver sottolineato con presenza attiva e sentita l’ultima ineguagliabile giocata del grande Gradinoro”.

  • Share/Bookmark

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.


ALTRI ARTICOLI DELLA CATEGORIA:

Blog Archives

Benemerenze CONI 2017: Pallanuoto un Collare d’Oro per tre

dic 20th, 2018 | By
calcaterra-simeoni

trcgiornale.it Civitavecchia 19 dicembre 2018 Civitavecchia è stata protagonista delle premiazioni del Collare d’Oro, la massima onorificenza conferita dal Coni. Nel corso della kermesse che si è svolta alla Casa delle Armi, sono state premiate le Nazionali di pallanuoto che hanno vinto il Mondiale nel 1978 e nel 1994. Tra l’altro particolare risalto è stato
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


Benemerenze CONI 2017. Stella di Bronzo: a Domenico fiorentino (Cronometrista benemerito) e ASD Tirreno Atletica Civitavecchia (FIDAL)

dic 19th, 2018 | By
Roma Italy - 17 Dec 2018 -  Coni Lazio e Regione Compagni di sport - Roma - CPO Giulio Onesti in Roma - Manifestazione  con Benemerenze Coni Lazio Giulio Onesti  Benemerenze

Stella di Bronzo: a Fiorentino Domenico (Cronometrista Uff. ASD di Civitavecchia) – FICr e ASD Tirreno Atletica Civitavecchia (FIDAL)   Benemerenze CONI 2017. Al CPO “Giulio Onesti” le festa delle Stelle e Palme romane lazio.coni.it  Pubblicato: 18 Dicembre 2018 L’aula magna del Centro di Preparazione Olimpica “Giulio Onesti” ha ospitato ieri pomeriggio la cerimonia della consegna
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


Gigi Sacco, per tutti il LAMPO questa mattina ci ha lasciato.

dic 15th, 2018 | By
gigi-sacco-detto-il-lampo

Roberto Melchiorri: la solidarietà era il suo forte, sempre disponibile e amico di tutti. Civitavecchia Ieri alle 14:31 · Gigi Sacco, per tutti il LAMPO questa mattina ci ha lasciato. Quando sembrava che avesse vinto l’ennesima partita, se ne andato. Il Lampo, un personaggio unico, una bravissima persona. Un Civitavecchiese Doc. La solidarietà era il
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


“A tu x tu con il Crc”: Marco Salomone

ott 27th, 2018 | By
marco-salomone

Come definiresti il rugby? “Un’eterna sfida che ti porta a superare tutti gli ostacoli, da bambino, da ragazzo e da adulto. Una scuola di vita che ti aiuta a superare i problemi che incontri quotidianamente”.   “Il rugby? Una palestra di vita” 26 ottobre 2018 080 CIVITAVECCHIA – Continua la rubrica “A tu x tu con
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


TAVOLA A VELA MASCHILE. MATTIA CAMBONI CAMPIONE EUROPEO RS:X A SOPOT

set 6th, 2018 | By
camboni-n-1-in-europa-2018

news del 25.08.2018 MATTIA CAMBONI CAMPIONE EUROPEO RS:X A SOPOT, IN POLONIA STORICO RISULTATO PER LA TAVOLA A VELA MASCHILE ITALIANA Mattia Camboni (GS Fiamme Azzurre) è il primo italiano a vincere la medaglia d’oro ad un Campionato Europeo nella tavola a vela maschile. Un’ottima settimana per l’atleta di Civitavecchia che su 13 prove segna quattro primi
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


Tutti gli articoli della categoria