13 MOSSE DELL’ARTE DI EDUCARE. Strategie pedagogiche. Il Bollettino Salesiano

lug 31st, 2014 | By | Category: Vivere lo Sport
  • Share/Bookmark

http://biesseonline.sdb.org/

Strategie pedagogiche. Il Bollettino Salesiano 

COME DON BOSCO

PINO PELLEGRINO

Strategie pedagogiche

L’arte di educare conosce alcune

strategie,

alcune ‘astuzie’ pedagogiche

sagge

e valide

 

  1. L’arte di educare Strategie pedagogiche. Il Bollettino Salesiano Gennaio 2013
  2. Seminare. L’arte di educare 13 STRATEGIE. Il Bollettino Salesiano Febbraio 2013
  3. Tifare. L’arte di educare 13 STRATEGIE. Il Bollettino Salesiano – Marzo 2013
  4. Aspettare. L’arte di educare 13 STRATEGIE. Bollettino Salesiano Aprile 2013
  5. Amare. L’arte di educare 13 STRATEGIE. Bollettino Salesiano Maggio 2013
  6. Parlare. L’arte di educare 13 STRATEGIE. Il Bollettino Salesiano – Giugno 2013
  7. Risplendere. L’arte di educare 13 STRATEGIE. Il Bollettino Salesiano – Luglio 2013
  8. Castigare. L’arte di educare 13 STRATEGIE. Il Bollettino Salesiano – Settembre 2013
  9. Ascoltare. L’arte di educare 13 STRATEGIE. Il Bollettino Salesiano – Ottobre 2013
  10. Un presepio per educare. L’arte di educare 13 STRATEGIE. Il Bollettino Salesiano – Dicembre 2013
  11. Guardare. L’arte di educare 13 STRATEGIE. Il Bollettino Salesiano – Gennaio 2014
  12. Saper dire ‘no’! L’arte di educare 13 STRATEGIE. Il Bollettino Salesiano – Febbraio 2014
  13. Far faticare. L’arte di educare 13 STRATEGIE. Il Bollettino Salesiano – Aprile 2014
  14. Fare festa. L’arte di educare 13 STRATEGIE. Il Bollettino Salesiano – Maggio 2014
  15. Lasciare un buon ricordo. L’arte di educare 13 STRATEGIE. Il Bollettino Salesiano – Giugno 2014

Secondo il nostro stile che non ama i gargarismi, ecco subito qualche esempio.
Uno dei più diffusi tormentoni delle mamme italiane è riuscire a far mangiare il bambino.
Ebbene, vogliamo che mangi? Non supplichiamolo perché mangi! Pratichiamo, cioè, la strategia dell’indifferenza.
Insistere tanto sul mangiare significa mettere in mano al piccolo un’arma con cui ricattarci, un’arma che il bambino saprà usare in tutti i modi, pur di attirare su di sé la nostra attenzione.
Mostrandoci indifferenti, invece, siamo noi a tenere la situazione in mano.
“Non mangi? Va bene lo stesso! Mangerai quando avrai fame!”.
Calme, mamme! Nessun pericolo che il bimbo muoia di fame! Garantito! All’istinto della fame non si può resistere!
Fino a questo momento, nessun bambino al mondo, avendo del cibo a disposizione, è morto di fame! Quando avrà fame, il bambino mangerà!
Vogliamo far arrivare qualche messaggio al figlio adolescente?
Pratichiamo la strategia del metodo indiretto.
Tutti sappiamo che gli adolescenti fanno cortocircuito con il metodo frontale che li prende di mira in modo diretto (il maledetto metodo della ‘predica’!).
Dunque, se vogliamo dire qualcosa al ragazzo (e qualcosa dobbiamo pur dirgli, per non essere genitori puramente ‘allevatori’ ma anche ‘educatori’!), parliamogli senza chiamarlo direttamente in causa.
Esempio: siamo a tavola, parliamo tra noi, madre e padre, sul programma televisivo visto ieri sera e diamo il nostro giudizio negativo sulle parolacce, sulla violenza, sul sesso sfacciato… Il figlio, mentre continua a mangiare la pastasciutta, sente e viene a conoscere qual è il nostro quadro valoriale che, forse, non collima con quello degli insegnanti e degli amici. In tal modo abbiamo parlato al figlio, senza suscitare la reazione tipica dell’adolescente!
Molto vicina alla strategia del metodo indiretto è la strategia della chiacchierata informale.
Siamo in piazza e stiamo parlando del più e del meno con un gruppo di conoscenti ed amici.
Ad un tratto il figlio, che ha scorazzato di qua e di là, si avvicina e sente (meglio: ascolta!) le nostre opinioni sulla politica, sulla religione, sulla società d’oggi…
è incredibile l’influsso che possono avere sull’animo del figlio le nostre parole dette spontaneamente, senza filtro!
Ha tutte le ragioni il semiologo e scrittore Umberto Eco a dire “credo che si diventi quello che ci ha insegnato nostro padre nei momenti morti mentre non si preoccupava di educarci”.
Altro esempio di strategia pedagogica è quella della reazione morbida.
Il bambino strepita? La madre gli risponde con tutta calma (facile dirlo!):“Non capisco niente! Se non abbassi la voce, le mie orecchie sono sorde”.
Il bambino fa capricci? La madre resta tranquilla (anche qui, facile a dirlo!), continua a stirare calma e serena, tutt’al più una carezza sul capo.
Questa è la strategia della reazione morbida.
Dicono che, sovente, funzioni; certo è una strategia intelligente: rispondere al capriccio del bambino con una nostra escandescenza è come voler spegnere il fuoco, versandovi sopra benzina!
Attenti ai tempi morti
Forse educhiamo quando meno pensiamo di educare.
Subito la prova: il padre incontra per strada un bisognoso che chiede aiuto: gli posa due euro sulla mano tesa, mentre il figlio vede; la madre è in chiesa: prega in silenzio, concentrata, intanto il figlio osserva.
Ecco due esempi di splendida educazione non direttamente voluta, educazione che supera di gran lunga quella realizzata con una valanga di parole sull’amore del prossimo e sulla fede in Dio.
Rientrano anche nella strategia dei ‘tempi morti’ le parole che lasciamo cadere senza preavviso, come la cosa per noi più naturale del mondo. Mentre siamo a tavola, il papà, ad un tratto, dice: “Le parolacce sono come il raglio dell’asino nel bel mezzo di un concerto!”. La madre, vedendo la reclame di un parrucchiere, esclama: “Non basta avere i capelli in ordine, bisogna anche avere le idee ordinate”…
Parlare in questo modo non offende nessuno, neanche il figlio adolescente sempre (e giustamente!) così allergico alle ‘prediche’.
Non solo, ma le parole dette senza preavviso, sovente hanno un fortissimo impatto sul figlio perché rivelano i nostri pensieri più intimi, le nostre opinioni, i nostri Valori che ci portiamo dentro.
Mi ha sempre colpito la confessione del professore Leo Buscaglia il quale rivela che si è costruito la sua morale sulle parole che il padre lasciava cadere a tavola, durante la cena.

Questo dico al figlio

  •  “Se stai solamente con chi la pensa come te, tanto vale vivere con i pappagalli!”.
  •  “Non lasciarti imbottigliare dal vino!”.
  •  “è meglio mostrare la testa che l’ombelico”.
  • “Chi vince gli altri è muscoloso. Chi vince se stesso è forte”.
  • “Non c’è niente d’intelligente ad esser triste”.
  • “Non curarti dei commenti, se in regola ti senti”.
  • “Grinta e coraggio ci mantengono in vantaggio”.
  • “Dove entra il bere, esce il sapere”.

Che ne dite?

  • “Se i genitori riuscissero soltanto a capire quanto annoiano i figli!” (Bernard Shaw).
  • “A 27 anni al massimo, buttateli fuori di casa, come ho fatto io. Un giorno vi ringrazieranno” (Maria Luisa De Rita).
  • “Un sorriso al bambino è meglio del pannolino ben sistemato” (Benjamin Spock).
  • “A volte curo la madre ed il bambino guarisce” (Marcello Bernardi).
  • “Come terapia indico dieci chilometri di bicicletta assieme al padre, ogni domenica. Il tempo con il padre è una cosa fondamentale!” (Giovanni Bollea).

 


  • Share/Bookmark
Tags:

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.


ALTRI ARTICOLI DELLA CATEGORIA:

Blog Archives

CALCIO. Gli allenatori di Eccellenza e Promozione chiedono chiarezza al presidente Zarelli

nov 10th, 2020 | By
calcio-x-allenatori

I tecnici dei campionati laziali hanno scritto una lettera al Cr Lazio per chiedere una decisione chiara. Tra di loro anche gli allenatori di Civitavecchia, Corneto Tarquinia e Ladispoli www.bignotizie.it Civitavecchia Novembre 9, 202048 Alzano la voce gli allenatori di Eccellenza e Promozione del Lazio. Lo fanno per mezzo di una lettera inviata al presidente Zarelli
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


KARATE: ASD Meiji Kan Civitavecchia. La Maestra Virginia Pucci: gli allenamenti proseguono negli spazi aperti della città

nov 9th, 2020 | By
karatemeijikan-pucci

Meiji Kan, gli allenamenti proseguono negli spazi aperti della città www.civonline.it  Civitavecchia 9 NOVEMBRE 2020 KARATE Le limitazioni scaturite dal DPCM costringono le società cittadine a svolgere le sedute fuori dalle palestre. La maestra Virginia Pucci: «Speriamo che i contagi in Italia inizino a calare, anche perché ci avviamo verso l’inverno» Meiji Kan,  Condividi Nei giorni
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


Giornata nera per lo SPORT e la SALUTE civitavecchiese: l’Adsp mette in vendita la camera iperbarica di Civitavecchia

nov 4th, 2020 | By
camera-iperbarica

Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale mette in vendita la camera iperbarica, Forno: ”Così di Majo scrive la parola fine sulla riapertura” www.0766news.it 3 Novembre 2020 Dopo anni di silenzio qualcosa si muove nel procedimento relativo alla camera iperbarica. Il problema è che, secondo l’associazione “Volontari Francesco Forno” quanto disposto dall’Autorità di sistema
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


CALCIO Aia di Civitavecchia: nuovo corso arbitri.

ott 19th, 2020 | By
aia-locandinacorsoarbitri-953x1024

Riparte l’attività della sezione Aia di Civitavecchia Nuovo corso arbitri, iscrizioni aperte fino al 30 novembre Riparte l’attività della sezione Aia di Civitavecchia, che ha organizzato il nuovo corso arbitri. Il corso è completamente gratuito ed è riservato ai ragazzi e alle ragazze che abbiano compiuto, alla data dell’esame, il 15esimo anno di età e
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


Civitavecchia. SITUAZIONE GRAVE PER L’IMPIANTISTICA LOCALE

ott 1st, 2020 | By
Palagalli Civitavecchia

Il PalaGalli non riaprirà, la struttura sembra destinata a non risorgere: nulla di fatto nell’ennesima https://www.civonline.it/ Pubblicato il 30 Settembre, 09:45 Commissione Sport Ieri alle 9 in Comune l’insediamento dei consiglieri di maggioranza e opposizione dinanzi al delegato allo Sport Matteo Iacomelli. Il debito di 500mila euro dovrà risanarlo la Snc stessa. Enel, una volta risolta la
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


Tutti gli articoli della categoria