Giornata nera per lo SPORT e la SALUTE civitavecchiese: l’Adsp mette in vendita la camera iperbarica di Civitavecchia

nov 4th, 2020 | By | Category: Medicina e Sport, Primo piano, Vivere lo Sport
  • Share/Bookmark

Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale mette in vendita la camera iperbarica, Forno: ”Così di Majo scrive la parola fine sulla riapertura”

www.0766news.it 3 Novembre 2020

Dopo anni di silenzio qualcosa si muove nel procedimento relativo alla camera iperbarica. Il problema è che, secondo l’associazione “Volontari Francesco Forno” quanto disposto dall’Autorità di sistema portuale chiude di fatto la parola ad una possibile riapertura della struttura. È stato pubblicato infatti il 28 ottobre scorso un bando pubblico per la vendita del bene di proprietà dell’Adsp “Camera iperbarica comprensiva del modulo abitativo prefabbricato e ogni altro tipo di attrezzature presente nel centro iperbarico”. Le offerte vanno presentate entro le ore 12 del 27 novembre 2020 mentre il prossimo 3 dicembre si procederà all’aggiudicazione e nei successivi 60 giorni la struttura dovrà essere smontata e portata via.

La camera iperbarica di Civitavecchia e la struttura che la contiene sarà smontata, pezzo per pezzo e tutti i componenti saranno portati a Pomezia e lì conservati in attesa di un eventuale compratore.

Questo era accaduto nel maggio 2019.

Oggi, invece compare un avviso pubblico dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale, presidente uscente (e speriamo non riconfermabile) Francesco Maria di Majo che scrive la parola fine alla richiesta di riapertura, richiesta dalla nostra Associazione nel novembre del 2016 e a ottobre 2018 (al presidente) e nel giugno 2017 alla segretaria generale. Infatti, sulla base di una richiesta di acquisto formulata da una associazione sportiva di Pomezia (ASD S-LIFE TEAM) al prezzo di 20.000,00 euro) l’Autority ha emesso un bando pubblico il 28 ottobre scorso per la vendita del bene di sua proprietà “camera iperbarica comprensiva del modulo abitativo prefabbricato e ogni altro tipo di attrezzature presente nel centro iperbarico”. Le offerte vanno presentate entro le ore 12 del 27 novembre 2020 mentre il prossimo 3 dicembre si procederà all’aggiudicazione e nei successivi 60 giorni la struttura dovrà essere smontata e portata via.

Ci sono voluti 15 anni per demolire un progetto e una realtà che aveva operato, con i volontari e gratuitamente, dal 1 febbraio 1998 al 31 dicembre 2005, quanto le esigenze di ampliamento delle strutture portuali aveva provocato la chiusura e lo smontaggio della camera iperbarica, ripristinata nell’attuale area nel 2009 per essere pronta, nel novembre 2010, ad essere riaperta.

Nel novembre 2010 fu presentata la richiesta di Autorizzazione all’esercizio alla Regione Lazio.

La pratica, presso la Regione Lazio e presso il comune di Civitavecchia, scomparve fino all’aprile 2012, allorché il terzo servizio della trasmissione “Striscia la Notizia” e l’immediato intervento della Polmare, riportò alla luce la pratica, conclusa negativamente dalla Regione Lazio, nel novembre dello stesso anno con due motivazioni inesistenti.

Nel 2015 e 2016, con Pasqualino Monti, prima presidente e poi Commissario, l’Associazione riprese i contatti con l’Autority (ufficio legale e demanio), la Regione Lazio e l’ASL RMF giungendo quasi ad un accordo per la riapertura immediata e la emissione, nel gennaio del 2017, di un bando pubblico per la gestione della struttura iperbarica,

Il progetto della camera iperbarica nacque nella nostra Associazione nel 1997. L’Associazione ordinò, alla Sistemi Iperbarici, la camera con i primi contributi volontari ottenuti dal Comune di Tarquinia, dall’Autorità Portuale, dalla Banca Nazionale del Lavoro, dal Comune di Civitavecchia e dal Credito Italiano pari a poco più di 138 milioni di lire.

Il Segretario Generale dell’epoca, Gianni Moscherini e il Presidente Francesco Nerli, decisero di completare i finanziamenti necessari e, quindi, di far diventare l’Autorità Portuale di Civitavecchia, proprietaria dell’intera struttura, recuperando le spese necessarie dai diversi cantieri aperti (in quel periodo) per la realizzazione delle opere di ristrutturazione delle banchine.

La nomina a presidente dell’avv. Francesco Maria di Majo, interessato della problematica sospesa nel novembre 2016 mediante una comunicazione via pec, ha portato al silenzio assoluto, malgrado un sollecito ad ottobre 2018 ed un incontro, nel novembre 2017, presso l’ufficio del Sindaco di Civitavecchia Cozzolino al quale è seguito il nulla, malgrado il Consiglio Comunale di Civitavecchia abbia approvato alla unanimità, lo scorso anno un ordine del giorno per la riapertura della camera iperbarica.

E’ bene ricordare che con la ossigenoterapia iperbarica si curano ben 15 patologie:

embolia gassosa ed arteriosa
intossicazione da monossido di carbonio
gangrena gassosa da clostridi
infezione da flora batterica mista
gangrena umida delle estremità in diabetici
sindrome da schiacciamento
radionecrosi tissutale
sordità improvvisa
osteomielite
trapianti e lesioni chirurgiche a rischio
insufficienze vascolari
fratture a rischio di scarso consolidamento
algodistrofie post traumatiche e necrosi asettica
patologie retiniche
ferite infette da flora batterica mista.
Associazione Volontari Francesco Forno

Il presidente Gianfranco Forno

  • Share/Bookmark
Tags:

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.


ALTRI ARTICOLI DELLA CATEGORIA:

Blog Archives

Giornata nera per lo SPORT e la SALUTE civitavecchiese: l’Adsp mette in vendita la camera iperbarica di Civitavecchia

nov 4th, 2020 | By
camera-iperbarica

Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale mette in vendita la camera iperbarica, Forno: ”Così di Majo scrive la parola fine sulla riapertura” www.0766news.it 3 Novembre 2020 Dopo anni di silenzio qualcosa si muove nel procedimento relativo alla camera iperbarica. Il problema è che, secondo l’associazione “Volontari Francesco Forno” quanto disposto dall’Autorità di sistema
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


CAMERA IPERBARICA : appello ai sindaci del comprensorio del Litorale Nord di Roma

set 30th, 2019 | By
camera-iperbarica-2

Gianfranco Forno: se veramente la struttura, nell’area in cui si trova ora per la facilità di accesso dalla via Aurelia (a lato dell’attuale struttura) non può stare più in area demaniale, si potrebbe valutare di sdemanializzare tale area e lasciarla in loco. 29 settembre 2019085 CIVITAVECCHIA – Un appello ai sindaci del comprensorio affinché si attivino sinergicamente
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


ASSOCIAZIONE VOLONTARI “FRANCESCO FORNO” : Aiutaci ad attivare la camera Iperbarica con il 5 per mille

giu 3rd, 2017 | By
associzione-ff

Aiutaci ad attivare la camera Iperbarica con il 5 per mille

  • Share/Bookmark


A.Di.Civ – Associazione Diabetici Civitavecchia – Onlus – organizza la “Camminata per la Salute”

ott 16th, 2016 | By
A.Di.Civ - Associazione Diabetici Civitavecchia - Onlus

www.adiciv.it - L’Adiciv si propone di ripetere tale evento con frequenza mensile il zone diverse della città per promuovere l’abitudine all’attività fisica. A.Di.Civ. Onlus organizza la “Camminata per la Salute” 30 Ottobre 2016 dalle ore 09,00 alle ore 11.30 organizzata dall’A.Di.Civ. Onlus INVITO Alle Associazione di Civitavecchia Il sottoscritto Franco ARMENIO, in qualità di Presidente dell’intestataria associazione,
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


Defibrillatori in campo, l’obbligo slitta al 30 novembre. Decreto del ministro della Salute

lug 21st, 2016 | By
defibrillatore-defibrillatore

http://lazio.coni.it/  –  Il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, di concerto con il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, aveva concesso una proroga di sei mesi all’attuazione del Decreto Balduzzi considerate le difficoltà riscontrate in tutta Italia da parte delle Società sportive dilettantistiche di dotarsi di defibrillatori semiautomatici. Nei giorni scorsi, tuttavia, è arrivata un
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


Tutti gli articoli della categoria