GENITORI … VINCENTI di Stefano Cervarelli

nov 5th, 2013 | By | Category: Primo piano, Vivere lo Sport
  • Share/Bookmark

GENITORI … VINCENTI

Riuscite ad immaginare dove può spingersi un genitore per soddisfare la propria ansia di successo? Riuscite ad immaginare cosa può fare in preda alla voglia di dare sfogo ad ambizioni represse? Credete che possa servirsi del corpo, della mente, dell’emotività dei propri figli?
No?!
Allora, Vi prego, abbiate la pazienza di leggere queste poche note: ne riparleremo dopo.
Partiamo dall’ultimo avvenimento ( conosciuto) riportato da La Repubblica il giorno 16 Ottobre 2013.
Un ragazzino, non ancora quattordicenne, inizia a frequentare per svago una piscina, gli piace nuotare tant’è che presto gli istruttori, vedendo in lui potenziali doti, lo invitano a cimentarsi con il nuoto agonistico. Al ragazzino piace ed in pochi mesi apprende rudimenti dei quattro stili. Inizia a gareggiare, ottiene qualche buon risultato e soprattutto si diverte insieme agli amici; ma a questo punto entra in scena il padre del ragazzo: “Mio figlio deve essere un campione!”
Ci crede, immagina per il ragazzo podi e trionfi.
Con negli occhi e nella mente questa prospettiva costringe il figlio – che nel frattempo ha compiuto 14 anni – a sottoporsi ad allenamenti sempre più faticosi; deciso a trasformare suo figlio in un “robocop” così lo assilla con allenamenti sempre più frequenti, al limite delle risorse fisiche del giovane.
Non contento della “persecuzione” fisica e credendo di ottenere di più l’uomo-padre inizia ad usare una seconda arma: quella del ricatto affettivo; baci ed abbracci in caso di vittoria, rimproveri e freddezza in caso non vittoria (la sconfitta nello sport,specialmente in quello giovanile, non esiste) .
Ma non finisce qui. Cosa fa l’uomo-padre per realizzare il sogno di vedere il figlio campione? Dopo fatiche fisiche e ricatti psicologici manca ancora una cosa: “prendi questo” dice al figlio e da buon padre gli dà gli integratori: proteine, creatina, aminoacidi ramificati. il ragazzo accusa malessere fisico, ha nausee, vomito, aggravato da un più che legittimo e spiegabile disagio pisicologico. Ma tutto questo cosa non conta: l’importante è nuotare più forte, diventare un campione!!
La situazione ormai è al limite di rottura (se non già superato) ed allora alcuni conoscenti, decisi a sottrarre il quattordicenne da quell’incubo, si rivolgono alla Procura.
L’uomo-padre viene indagato per maltrattamenti in famiglia, mentre le indagini dei carabinieri documentano il crescendo di vessazioni fisiche e morali, conclusioni alle quali si arriva anche in base a fondati riscontri investigativi ed alla consulenza di un medico che accerta inoltre i disagi fisico-psicologici sopportati dal ragazzo.
Potrebbe già bastare questo per rispondere alle domande iniziali e darci spunti di riflessione; ma si potrebbe dire che si tratta di un caso isolato: ed allora andiamo avanti.
Ci sono, lo riferiscono gli istruttori delle varie discipline sportive, papà e mamme che dalle gradinate sottolineano le prestazioni dei loro figli con urla e comportamenti da ultras, rivolgendo nel contempo urla ed insulti agli avversari (stiamo parlando di ragazzini) tanto da provocare le reazioni degli altri genitori e la cosa, molto spesso, non finisce solo a parolacce.
La cronaca infatti ci parla di una partita di calcio amatoriale finita con atti di violenza da parte dei genitori dei giocatori.
A questo punto, sapendo di quello che stiamo per aggiungere, verrebbe voglia di dire; “magari finisse e si risolvesse tutto con urla parolacce e un po’ di botte” magari, perché quello che stiamo per dire è molto più grave, leggete bene: ci sono genitori ed allenatori che dopano atleti giovanissimi.
Danno gocce per cardiopatici a giovani ciclisti prima del via, sono ragazzi di quattordici anni.
Nel nuoto un atleta, sempre minorenne, è stato sottoposto all’ozonoterapia; ad accompagnarlo in clinica è stato il padre!
Nel tennis un genitore ha fatto assumere, con la complicità di un medico compiacente, anabolizzante ai propri due figli minorenni che praticano quella disciplina.
Per finire abbiamo una madre che ordina via internet sostanze proibite: “Perché – ha detto – mia figlia non può arrivare seconda”.
Adesso si può rispondere alle domande poste all’inizio?
Da parte nostra, nel grande mare di affermazioni morali sociologhe ed altro che si possono fare, vogliamo solo dire una cosa: pensiamoci bene prima di dare la colpa ai giovani, di attribuire loro colpe e responsabilità che non hanno.
Non sempre certo, ma in molti casi sono “vittime” di genitori che vengono dal quel periodo infausto caratterizzato socialmente dall’edonismo che faceva del successo ad ogni costo uno dei suoi cavalli di battaglia e del quale, purtroppo, stiamo pagando le conseguenze.

18.10.2013

Stefano Cervarelli

 

 

 

  • Share/Bookmark
Tags:

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.


ALTRI ARTICOLI DELLA CATEGORIA:

Blog Archives

Patenti speciali: BASTA ai Tour per effettuare il rinnovo e la visita.

lug 30th, 2022 | By
patenti-speciali

Civitavecchia Tavolo Tecnico per la Cultura dell’Agibilità attività di organizzazione per la tutela dei cittadini sulla Commissione Medico Locale per Patenti Speciali Come segnalato  numerose persone interessate all’idoneità alla guida o al rinnovo delle cosiddette patenti speciali fanno la spola tra Civitavecchia e Roma per ottenere il rinnovo. Ad esserne interessati sono i cittadini che
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


Regione Lazio. ‘Sotto il cielo del Castello di Santa Severa’: oltre 160 eventi tra concerti, teatro, comedy e Sport con il CONI Lazio

giu 28th, 2022 | By
grafiche_social_villaggio_santa_severa_1

Dal 2 luglio l’estate è ‘Sotto il cielo del Castello di Santa Severa’ fino all’11 settembre, musica, teatro, sport, appuntamenti a contatto con la natura e tanto altro Il programma, in continuo aggiornamento, è consultabile sul sito del Castello di Santa Severa: https://www.castellodisantasevera.it/ 10/06/2022 Dal 2 luglio all’11 settembre, tornano le serate estive in riva
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


HOCKEY INLINE. Snipers Civitavecchia le campionesse d’Italia dell’hockey in line femminile.

giu 9th, 2022 | By
novelli-2022-06-06-at-14-34-32

Il presidente Riccardo Valentini: «È una grande gioia tornare a fregiarsi del titolo italiano. Per la Cv Skating è un grande onore ma credo anche per tutta la città» CAMPIONATO FEMMINILE, CIVITAVECCHIA VINCE LO SCUDETTO GIUGNO 7TH, 2022 Sono le Snipers Civitavecchia le campionesse d’Italia dell’hockey in line femminile. Domenica sera, in quel di Legnaro,
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


HOCKEY INLINE. WOMEN EUROPEAN LEAGUE: PER VERONA E CIVITAVECCHIA NON ARRIVANO RISULTATI IN PISTA MA TANTISSIMA ESPERIENZA INTERNAZIONALE.

mag 27th, 2022 | By
women-european-league-25-05-2022

WOMEN EUROPEAN LEAGUE: PER VERONA E CIVITAVECCHIA NON ARRIVANO RISULTATI IN PISTA MA TANTISSIMA ESPERIENZA INTERNAZIONALE. VIDEO: L’Hochey inline non è ancora uno sport olimpico. Riesci a crederci? ?v=1177263973127964&_rdr#_=_ “Veni, vidi, didici”. O semplicemente: siamo andati, abbiamo visto ed abbiamo imparato. Nello sport non si può ovviamente sempre vincere e, nel caso non si riesca
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


1° Campionato Interregionale centro-sud Italia di Team Roping: Centro Ippico Winnie Dry Ranch

mag 7th, 2022 | By
campionato-centro-sud-italia-di-team-roping-2022-locandina-4

CIVITAVECCHIA – Domenica 8 maggio, a partire dalle ore 10.00 presso il Centro Ippico Winnie Dry Ranch di Diego Tiselli, si terrà la prima tappa del primo Campionato Interregionale del centro-sud Italia di Team Roping. Il campionato, per la prima volta organizzato nel centro Italia grazie ai referenti di disciplina, Marcello Pasquarelli (per il Lazio)
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


Tutti gli articoli della categoria