Derby, gioie e dolori

dic 18th, 2008 | By | Category: Sport News
  • Share/Bookmark

213CIVITAVECCHIA – Manca da esattamente 15 anni e mezzo. L’ultimo si giocò infatti il 2 maggio del 1993. E’ il derby dell’Alto Lazio tra Civitavecchia e Viterbese, che si ripresenta domenica prossima con una sfida alla “Palazzina” di Viterbo che cade in un momento di estrema difficoltà per i nerazzurri; insomma la classica sfida sbagliata al momento sbagliato. O forse potrebbe anche essere il contrario. Fatto sta che, come tutti i derby, è un match che rievoca ricordi, aneddoti e statistiche. Vediamone alcune. Il derby dell’Alto Lazio è stata una classicissima negli anni ’60 e ’70, con risultati sempre in bilico e alterne fortune per le due squadre. Poi, con il salto del Civitavecchia in C2 e la permanenza della Viterbese in serie inferiori, la sfida si interrompe per circa dieci anni, fino alla retrocessione dei nerazzurri nell’allora Interregionale, nell’infausta stagione 1987-88. Quella successiva vede quindi incrociarsi nuovamente le due squadre e si tratta delle sfide più recenti, che si susseguono vigorose e spesso roventi per cinque anni. Stagione 1988-89: torna quindi il derby dell’Alto Lazio e la prima sfida, al Fattori, termina 1-1 con gol locale di Liucci; al ritorno invece i gialloblu si impongono per 1-0 con un gol in extremis del giovane Febbraro; a fine stagione il Civitavecchia si salverà per un solo punto all’ultima giornata evitando una seconda clamorosa retrocessione. Stagione 1989-90; il primo derby si gioca nuovamente al Fattori e termina con uno scialbo 0-0; le cronache ricordano una collezione di gol sbagliati a ripetizione da Topani, un centravanti alla Raducioiu che, se avesse giocato in serie A, avrebbe fatto la gioia della Gialappa’s, ma che invece fece venire solo l’orticaria ai tifosi civitavecchiesi, tanto da collezionare la bellezza di 2 gol alla fine di quell’infausta annata; lo 0-0 del Fattori fu bissato anche nel ritorno alla Palazzina e il Civitavecchia terminò il campionato a metà classifica dopo aver sudato ancora la salvezza. Stagione 1990-91. Il primo derby si gioca ancora in casa e la Vekkia conquista quella che rimane ancora oggi l’unica vittoria, Coppa Italia eslcusa, degli ultimi venti anni: a risolvere la sfida, grazie ad un Eolo in versione ultrà nerazzurra, è un gol di Ianniello che sfrutta la devastante libecciata che imperversa sul Fattori per insaccare nella porta giallobù direttamente su calcio d’angolo; disse di averci mirato, nessuno gli ha mai creduto; il ritorno invece è amarissimo per il Civitavecchia, che vede quell’anno in panchina Bebo Melchiorri: in vantaggio con De Sibbi nel primo tempo, i nerazzurri vengono rimontati negli ultimi venti minuti e cedono per 2-1. Per la cronaca in quella stagione il Civitavecchia, che in estate aveva allestito una signora squadra, prima rischia una nuova retrocessione, poi, quando i rapporti tra Melchiorri e giocatori arrivano ai ferri corti e in panchina subentra Petrovich, si trasforma nel Brasile del 1982, vincendo tutte e cinque le ultime partite e terminando il campionato al quinto posto; ma quanta grazia sprecata. Stagione 1991-92: è l’anno dei derby che sono rimasti più impressi nei tifosi. L’andata si gioca a Viterbo; i gialloblu passano in vantaggio e pregustano la vittoria quando la Vekkia infila una giocata passata alla storia: quattro passaggi consecutivi, tutti al volo, dall’area di difesa a quella di attacco, con il funambolo Paoloni che “vela” il pallone per due volte mandando gambe all’aria l’intera difesa avversaria e poi realizza al volo il gol dell’1-1 per la gioia irrefrenabile dei sei Bad Boys presenti alla Palazzina; gol da applausi. Per la cronaca il Civitavecchia perderà la gara a tavolino, 2-0, per aver schierato negli ultimi 15 minuti il giovane Cozzolino, che doveva scontare un turno di squalifica rimediato l’anno prima con la juniores. Un episodio che alimenta un clima rovente in vista del ritorno, a cui la Viterbese si presenta imbattuta e prima in classifica. Il Civitavecchia carico di rabbia domina l’incontro annichilendo gli avversari e buttando alle ortiche anche un rigore calciato malamente da Marcucci (in gergo, calciò quella che si suole definire la classica “pappardella centrale”). Ma è soprattutto il derby dei violenti scontri tra le due tifoserie, messe gomito a gomito dalla forze dell’ordine che caricano ripetutamente; alla fine si contano diversi contusi soprattutto tra i tifosi viterbesi, fatti oggetto di una violenta sassaiola e poi aggrediti da alcuni ultrà nerazzurri durante la risalita sui pullman; è anche il derby in cui il giocatore della Viterbese Orfeo Rossi riceve una violenta pallonata al basso ventre, andando per alcuni minuti in arresto cardiaco sventato poi dal provvidenziale intervento del dottor Di Carluccio; il giocatore per fortuna si riprende e continua a giocare. Stagione 1992-93, la più amara per il Civitavecchia e assolutamente non beneaugurante per alcune analogie in vista del derby di domenica. La prima sfida si gioca al Fattori, alla fine del girone di andata; il Civitavecchia, inizialmente secondo in classifica crolla improvvisamente a metà girone di andata e inanella quattro sconfitte consecutive: 1-4 in casa col Senigallia, 3-1 in trasferta con l’Ellera, 0-1 in casa con la Maceratese e 3-0 in trasferta col Faenza. Il derby è quindi decisivo per mister Tiddia, ma i nerazzurri, in dieci dopo pochi minuti per una ingenua espulsione di Marcucci, ed estremamente tesi per la difficoltà della situazione, perdono per 2-1, con un inutile gol nel finale di Congiu che dimezza solo le distanze. La panchina di Tiddia salta e al suo posto arriva l’ex granata Mozzini, con l’arduo compito di salvare il Civitavecchia; e proprio con la squadra traballante in classifica e piuttosto rassegnata si arriva al derby di ritorno, che si risolve in una debacle: 4-0 per la Viterbese e Civitavecchia virtualmente retrocesso, come poi accadrà nonostante un disperato tentativo di rimonta finale e la retrocessione in Eccellenza per un solo punto di distacco dalla Fermana, che di lì a qualche anno volerà invece in serie B. L’auspicio, insomma, facendo le dovute corna, è che domenica non si rivedano i fantasmi di quel 2 maggio di 15 anni e mezzo fa, ma che semmai si riesca a ribaltare i proverbiali corsi e ricorsi storici.
Marco Galice

  • Share/Bookmark

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.


ALTRI ARTICOLI DELLA CATEGORIA:

Blog Archives

Acqua & Sapone Roma Volley Club VOLA IN SERIE A1

mag 4th, 2021 | By
arciprete-roma-volley

ROMA METTE LE ALI E VOLA IN SERIE A1 Roma 2 Maggio 2021 Quello di Roma è un sogno che si avvera. La vittoria per tre set a zero (12-25; 23-25; 12-25) dell’Acqua & Sapone Roma Volley Club sulla formazione di Cutrofiano ha decretato con una giornata di anticipo la promozione in Serie A1. La
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


Regione lazio: audizioni sui Diritti delle persone con disabilità

apr 19th, 2021 | By
regione-lazio-barriere-architettoniche

ELENA DE PAOLIS: “Proposta di legge piena di tante condivisibili iniziative e intenti”. Diritti delle persone con disabilità, nuove audizioni sulla proposta di legge regionale n. 169 concernente: ”Promozione delle politiche a favore dei diritti delle persone con disabilità” Roma 13/04/2021 – Sentita la presidente della Consulta regionale per la salute mentale, Daniela Bezzi Si è
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


Il Governo Draghi vara i decreti di Spadafora: APPROVATA LA RIFORMA COME CAMBIA LO SPORT.

apr 17th, 2021 | By
associazioni-sportive-dilettantistiche-asd-2-studio-turnaturi

tt-magazine_n2_web In extremis il Governo Draghi vara i decreti di Spadafora Abolizione del vincolo, ma non solo: tutte le novità su Associazioni ed Enti Dilettantistici, Registro Sportivo www.altroconsumo.it inchiesta_cartellini-sport 20 Altroconsumo 322 • febbraio 2018 I giovani dilettanti non sono liberi di cambiare squadra quando vogliono, per anni. E all’ombra del vincolo, nasce il business di chi chiede soldi per il riscatto. SPORT
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


CONI LAZIO: RICCARDO VIOLA CONFERMATO PRESIDENTE CON 50 VOTI

mar 16th, 2021 | By
coni-lazio-2021giunta-riccardo-viola

ASSEMBLEA ELETTIVA 13 Marzo 2021 Si è svolta oggi, al Salone d’Onore del CONI, l’Assemblea elettiva per il rinnovo delle cariche del Comitato Regionale Lazio per il quadriennio 2021-24. Sui 56 aventi diritto di voto, erano presenti all’Assemblea in 54, dei quali 20 per delega. Viola, candidato unico alla carica di Presidente, è stato eletto
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


PALLAVOLO. Burlandi confermato presidente CR FIPAV Lazio, new entry Marina Pergolesi, presidente Asp Civitavecchia

feb 22nd, 2021 | By
pergolesi-marina-sorridente

Civitavecchia 22 febbraio 2021 Marina Pergolesi: “Con la proclamazione del nuovo Consiglio Regionale FIPAV Lazio è iniziato un profondo cambiamento anche e soprattutto per affrontare il periodo pandemico che ci vede ancora coinvolti. Far parte di questo comitato mi rende ancora più consapevole delle responsabilità che un buon presidente deve avere verso la comunità che rappresenta e
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


Tutti gli articoli della categoria