Civitavecchia: Palasport intitolato a Alfio Insolera e Vittorio Tamagnini 11 maggio 2018

mag 13th, 2018 | By | Category: Primo piano, Vivere lo Sport
  • Share/Bookmark

Alfio Insolera, assessore allo Sport e Cultura per oltre un decennio, e il pugile Vittorio Tamagnini medaglia d’ORO alle Olimpiade del 1928.

Cozzolino: “Tamagnini e Insolera hanno fatto la storia dello sport”

Civitavecchia 11 Maggio 2018

Nella aula magna della scuola media “Flavioni”, adiacente all’impianto, alla presenza del sindaco Antonio Cozzolino, alla vice Daniela Lucernoni, ai familiari dei noti personaggi, al CONI con Riccardo Viola e agli alunni del Liceo scientifico sportivo di Civitavecchia sono stati anche proiettati dei filmati relativi alla vita di Insolera e Tamagnini. Nutrito pubblico alla cerimonia, dove erano presenti anche i ragazzi delle scuole, che hanno anche visionato le geste di Tamagnini ed il lungo lavoro fatto da Insolera nella sua esperienza ultradecennale come assessore allo Sport ed alla Cultura.

All’ingresso dell’impianto sono state

scoperte le targhe con le relative

denominazioni.

Gli alunni della scuola media “Flavioni”  hanno lanciato in aria deipalloncini tricolore mentre il tenoreMarco Manovelli ha intonato a cappella l’inno di Mameli.

Alfio Insolera: assessore allo Sport e Cultura della Città di Civitavecchia per oltre un decennio, ha avuto un ruolo chiave nell’impiantistica sportiva, a lui si devono i progetti riguardanti strutture come il PalaGrammatico, il Moretti-Della Marta, il Ferrero Medici e lo stesso Palasport.

Il civitavecchiese Tamagnini

salì sul gradino più alto del

podio nei pesi gallo,

sconfiggendo in finale lo

statunitense John Daley, alle

cui spalle si piazzò il

sudafricano Harry Isaacs.

www.fpi.it

Pugilato e Olimpiadi, una storia da raccontare: Amsterdam 1928, l’Italia è prima nella Boxe
Pubblicato: 27 Febbraio 2012
Olimpiadi2Il 1928, anno in cui si tennero i Giochi Olimpici della IX Olimpiade dell’era moderna, fu un’annata abbastanza interlocutoria, dal punto di vista della rilevanza storica. Si viveva ancora nel clima da pseudo-Belle epoque degli anni venti, che avevano dato a tutti la falsa illusione che il Mondo, dopo la tragedia della Prima Guerra Mondiale, fosse ormai proiettato verso un lungo periodo di serenità.

In effetti, gli echi della Grande Guerra si erano ormai stemperati e i cannoni della Seconda erano ancora di là dal tuonare. L’economia mondiale, pur se qualche scricchiolo cominciava a farsi sentire, non era arrivata alla fatidica data del 24 ottobre 1929: il famigerato giovedì nero in cui ci fu il crollo di Wall Street con l’annesso effetto catastrofico sulle finanze planetarie.

In questa atmosfera, quindi, si svolsero le Olimpiadi, che ebbero luogo ad Amsterdam tra il 17 maggio e il 12 agosto. La città olandese aveva già presentato la propria candidatura per quelle del 1920 e del 1924, ma prima il risarcimento morale a un Belgio martoriato dalla guerre, e poi la volontà del Barone De Coubertain di rivedere la fiamma olimpica su Parigi, le avevano negato la possibilità di fregiarsi del titolo di città olimpica. Nel 1924, battendo la concorrenza di Los Angeles, ottenne l’organizzazione dei giochi 1928.

Furono le prime Olimpiadi con uno sponsor – la Coca-Cola – e in cui divenne ufficiale la cerimonia, già sperimentata in via ufficiosa in quelle parigine di quattro anni prima, dell’accensione della torcia olimpica. Una staffetta di atleti greci, partendo da Atene, portò il Fuoco di Olimpia nella Venezia del Nord. Atleti ellenici che, per la prima volta nella storia, ebbero l’onore di aprire la passerella rappresentativa durante la cerimonia d’apertura.

Questa edizione vide la partecipazione di ben 46 nazioni, tra cui anche la Germania che vi riapparve dopo 16 anni di assenza, mentre si tenne ancora lontana dalla Bandiera coi Cinque Cerchi la Russia Sovietica. URSS che, come risposta alle Olimpiadi “Capitaliste”, indisse le Spartachiadi, che si tennero dal 12 agosto a Mosca.

L’Italia, che per inefficienze organizzative da parte olandese fece alloggiare i suoi atleti su un Piroscafo, finì quinta nel medagliere, conquistando in tutto 19 medaglie: 7 ori, 5 argenti e 7 bronzi. Un risultato che non piacque affatto a Benito Mussolini che, perciò, sollevò dall’incarico di Presidente del Coni, Lando Ferreti, scegliendo come suo successore Augusto Turati.

Se, in generale, il Regime non fu contento del bottino di allori olimpici, non poté non esserlo per quello che riportò a casa il Pugilato Italiano. I nostri Boxers, nella classifica della loro disciplina, si piazzarono davanti a tutti con 3 Ori e un Bronzo. Le medaglie del metallo più pregiato se le aggiudicarono quelli che, in seguito, sarebbero stati soprannominati “I Tre Moschettieri di Amsterdam”: Vittorio Tamagnini, Carlo Orlandi e Piero Toscani.

Il civitavecchiese Tamagnini salì sul gradino più alto del podio nei pesi gallo, sconfiggendo in finale lo statunitense John Daley, alle cui spalle si piazzò il sudafricano Harry Isaacs.

Nei Leggeri, invece, fu oro grazie al brianzolo Orlandi – famoso anche per essere sordomuto – che s’impose su un altro atleta a Stelle e Striscie, Stephen Haliko. Terzo si classificò lo svedese Gunnar Berggren. L’ultimo oro arrivò grazie alle gesta pugilistiche del medio Piero Toscani, che si sbarazzò dell’ostico pugilatore cecoslovacco, Jan Hermanek. Il Bronzo andò al belga Leonard Steyaert.
Bronzo che fu la quarta e ultima medaglia dell’Italia nel pugilato, targato Olanda 1928. A mettersela al collo fu il milanese Carlo Cavagnoli, che salì sul podio insieme all’ungherese Antal Kocsic (oro) e al francese Armand Apell (argento).

Amsterdam rappresentò un enorme successo per il movimento pugilistico nazionale, soprattutto alla luce degli stentati risultati di Parigi 1924. In quell’edizione, infatti, l’Italia dei guantoni conquistò solo due quarti posti – Rinaldo Castellenghi nei Mosca, e Carlo Saraudi nei Medio-massimi – e un quinto – Bruno Petrarca nei piuma.

  • Share/Bookmark
Tags:

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.


ALTRI ARTICOLI DELLA CATEGORIA:

Blog Archives

IMPIANTISTICA SPORTIVA CIVITAVECCHIESE: la telenovela del “PALAGRAMMATICO”

dic 8th, 2019 | By
palagrammatico_crollo_01-1

“PALAGRAMMATICO” inagibile  dal Febbraio del 2018. trcgiornale.it PalaGrammatico, Iacomelli: “Amministrazione al lavoro sull’impianto” Redazione TRCil: 6 Dicembre 2019, Dopo la mozione del Pd e il botta e risposta tra Marina Pergolesi di Italia Viva e la Flavioni di Pallamano, per quanto riguarda il PalaGrammatico arriva anche la replica di Matteo Iacomelli, vicepresidente della commissione sport.
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


“Litorale IN Volley”: presenta le prime squadre

dic 5th, 2019 | By
20191130_121636

Civitavecchia 3 Dicembre 2019 Una meravigliosa giornata di sole che ha degnamente accompagnato una altrettanto meravigliosa giornata di SPORT, PASSIONE e FIEREZZA! FORZA Margutta Che Frutta! Gruppo Produttorì Agrì, FORZA Gruppo Revolution Franchising, FORZA MARTORI Assicurazioni. Sabato 30 novembre con la presentazione delle prime squadre il Consorzio “Litorale IN Volley” fà un ulteriore salto di qualità
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


CIVITAVECCHIA: Programma 41° “Palio Marinaro di Santa Fermina” Edizione 2020.

nov 20th, 2019 | By
palio-marinaro2

“ BOZZA” D I PROGRAMMA PALIO MARINARO D I S . FERMINA 2 0 2 0 Evento sportivo ispirato alla storia, alla cultura, alle tradizioni e alle leggende della Città di Civitavecchia e per promuovere la “GIORNATA DEL MARE” A.S.D. MARE NOSTRUM 2000 ASSOCIAZIONE CULTURALE & SPORTIVA ******* CITTÀ DI CIVITAVECCHIA PALIO MARINARO TRA I
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


Maratona di New York: Marco Porchianello, della Tirreno Atletica Civitavecchia, sotto le tre ore

nov 4th, 2019 | By
porchianello-marco-atletica-tirreno-new-york-2019

Atletica, Porchianello sotto le tre ore alla Maratona di New York trcgiornale.it Redazione TRCil: 4 Novembre 2019, Atletica, Porchianello sotto le tre ore alla Maratona di New York La maglia biancoblu della Tirreno Atletica Civitavecchia attraversa Staten Island, Brooklyn, Queens, Bronx e Manhattan: 42,195km, cinque quartieri e un’emozione infinita sì per la squadra cittadina ma
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


Lutto per lo sport civitavecchiese: è morto Angelo D’Ezio.

nov 1st, 2019 | By
angelo-dezio

Lutto per lo sport civitavecchiese, è morto Angelo D’Ezio: calciatore, storico mister e direttore sportivo in C2 Si è spento oggi all’età di 76 anni. Sabato alle 10.30 i funerali alla Chiesa San Francesco di Paola Se l’è portato via una malattia, nel modo più credule, il buon Angelo D’Ezio, storico allenatore civitavecchiese molto conosciuto
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


Tutti gli articoli della categoria