C.S.I. Centro Sportivo Italiano: Un contributo del mondo sportivo per l’anno della fede

ott 31st, 2012 | By | Category: Vivere lo Sport
  • Share/Bookmark

991C.S.I. Centro Sportivo Italiano

Sport Gate: la porta dello sport
Un contributo del mondo sportivo per l’anno della fede.
Carissimi,
nessuno inizia a costruire una casa principiando dalla porta. La porta, è il

prima del dopo. è cioè il punto di accesso ad un progetto già realizzato. Che sia grande o piccola, bella o brutta, essa può trasmettere un senso di sicurezza, di separazione, di paura, di gioiosa accoglienza, di ricchezza, di semplicità.

è esperienza concreta di separazione, tra lo spazio pubblico e lo spazio privato.

Gli altri ed io, abitiamo in mondi diversi e la porta è anticipazione ed esperienza di soglia, che anticipa l’accesso nella casa delle nostre sicurezze e dei nostri affetti.

Nel Vangelo, Gesù è ancora più radicale, affermando: “Io sono la porta: se

uno entra attraverso di me, sarà salvo; entrerà e uscirà…”. Non c’è spazio per mondi alternativi, non esistono scorciatoie o vie di fuga: Lui è la porta, il cuore del progetto!

E lo Spirito, non da meno, dice alle Chiese: “Ecco, sto alla porta e busso.

Se qualcuno ascolta la mia voce e mi apre la porta io verrò da lui, cenerò con lui ed egli conme.” (Ap. 3,20-21).

Data la complessità del vivere quotidiano, non sempre è facile comprendere in questo brano della Bibbia se è lo Spirito Santo che bussa

alla porta della nostra vita o noi che bussiamo alla porta della Chiesa per

chiedere di essere accolti nella casa della fede. Certo è che, in entrambi i casi, bisogna essere protagonisti e vigilanti. Se restassimo semplici spettatori, saremmo privati di una grande possibilità: l’incontro con Gesù e con la gioia generata dall’esperienza di fede di chi attraversa quella porta.
L’immagine della porta, indubbiamente racchiude in sè molteplici

suggestioni e possibilità di riflessione. Prova ne è il fatto che “Porta fidei”, è anche il titolo della Lettera con cui Papa Benedetto XVI, ha indetto l’Anno della Fede

dall’11 ottobre 2012 al 24 novembre 2013. Lo scopo di questa proposta è

indicato nel testo al n. 9: “sarà un’occasione propizia anche per intensificare la

celebrazione della fede nella liturgia, e in particolare nell’Eucaristia, … per far si che la testimonianza di vita dei credenti cresca nella sua credibilità… per riscoprire i contenuti della fede professata, celebrata, vissuta e pregata”.

Nessuno nasconde che a cinquant’anni dall’avvio del Concilio Vaticano II

(Roma 11 ottobre 1962) si stanno ancora cercando incessantemente i metodi per annunciare il vangelo, per incarnare una fede “vissuta e pregata”, adeguati al tempo ed alla cultura. Cercare una porta attraverso cui rilanciare la “nuova evangelizzazione per la trasmissione della fede cristiana”, come afferma Papa Benedetto XVI, significa rendere ogni credente responsabile nel far conoscere Gesù, testimoniandolo nei rapporti personali e nei luoghi del vivere quotidiano. Che si tratti di spazi dedicati al lavoro come alla scuola, al tempo libero come ai mass media, alla sofferenza come allo sport, ciascun uomo di fede ha un compito da

realizzare: camminare nel vissuto quotidiano per tendere alle realtà del cielo.
Alla luce di tutto ciò, nell’Anno della Fede, è lecito porsi qualche domanda a cui cercherò di dare risposta:

- lo sport, inteso non solo come pratica ma anche come avamposto educativo e frontiera per la nuova evangelizzazione, può dare un suo contributo affinché il corpo degli sportivi non sia sordo a Gesù che bussa?

- le case, i luoghi in cui abita lo sport, offrono anche la possibilità di stare con Gesù nella gioia del convivio, della ricerca e dell’approfondimento?

- quale contributo può offrire il Centro Sportivo Italiano affinché lo sport sia

porta, esperienza di mezzo, tra uomo e fede, tra mondo e chiesa, tra possibilità e compimento?
Quando si è interpellati dalla fede e dai valori, il corpo non può fallire.

La sordità diventa colpevolezza solo quando il corpo non viene allenato a

comprendere e sviluppare i linguaggi che nutrono la comprensione. Si può

allenare quindi il corpo a raggiungere traguardi atletici, ma anche la coscienza, anche la fede, anche la preghiera possono similmente essere allenate al traguardo della santità.

Non è problema di contenuti ma di esercizio. Non di quale traguardo

raggiungere, ma di come giungere a quel traguardo.

Ancora vale il principio:

repetitio est mater studiorum. Esercizio, esercizio, ed ancora esercizio per raggiugere traguardi sportivi, valoriali e di fede. Esercitando il corpo se ne scoprono tutte le potenzialità sopite ed i traguardi inespressi per ozio o stanchezza. La sordità a Gesù che bussa alla nostra porta è una sordità iscritta nell’ozio dei cuori e nell’ozio della pratica.

Ma è un problema anche di linguaggio. Se da un lato le parole non comprese o ambigue impediscono il dialogo, dall’altro, non conoscere il linguaggio della corporeità condanna alla pochezza ed alla solitudine umana. Nel

linguaggio con cui si esprime il corpo risiedono tutte le prerogative umane:

esultanza per un successo, testardaggine per l’allenamento; sacrificio per il

lavoro; ma anche la gioia, la rabbia, il desiderio, la delusione, la collaborazione, l’entusiasmo, hanno un corrispettivo nel linguaggio corporeo. o sport è certamente di casa nella Chiesa. Molte porte chiuse, però, ne impediscono la consapevolezza e il miglioramento. Come può Gesù abitare e fare comunione con noi se gli impediamo d’entrare? Ci sono molte

responsabilità di cui il mondo sportivo deve farsi carico: aprire le porte a chi, pur praticando gli ambienti sportivi di molte parrocchie, è lontano dalla vita di fede o di comunità. Non compiere quel gesto di accoglienza, spalanca al rischio di non offrire formazione alle giovani generazioni, non rigenerare il cammino delle vecchie e limitare tutte quelle esperienze di fede, speranza e carità, possibili attraverso la casa sportiva. Magari non esiste un rifiuto a priori della proposta religiosa.

Semplicemente nessuno osa farla!

La casa sportiva è poi uno spazio vitale in cui i sentimenti e le passioni si

amplificano fino all’esasperazione. Sono allora gli atleti o i dirigenti di buona volontà ad assumersi il compito di rendere quella casa un luogo in cui abita la gioia, l’interesse per la vita dell’altro, le proposte di ricerca del senso della vita e dell’approfondimento di temi religiosi. Ai tanti che bussano alla porta dello sport dovremmo sempre poter offrire un sorriso, una proposta di vita e di fede.

Magari basta solo pregare insieme, come avviene in tantissimi campi da gioco, per ricordare al mondo intero che lo sport non basta a se stesso, ma che senza fede e senza valori superiori si inaridisce.
Può un’associazione come il Centro Sportivo Italiano offrire un contributo affinché lo sport sia una porta, un’esperienza di mezzo e di soglia, tra

uomo e fede, tra mondo e chiesa, tra possibilità e compimento?

Certamente si!

Un gruppo di persone associate da un fine quale l’educare attraverso lo sport, può fare moltissimo. Papa Benedetto XVI ricorda infatti nella sua lettera Porta fidei che “la Chiesa nel giorno di Pentecoste mostra con tutta evidenza questa dimensione pubblica del credere e dell’annunciare senza timore la propria fede ad ogni persona. è il dono dello Spirito Santo che abilita alla missione e fortifica la nostra testimonianza, rendendola franca e coraggiosa”.

Nessun dubbio che una grande associazione possegga moltissimi doni

dello Spirito che la abilitano ad operare stando un passo avanti, per condurre e orientare il cammino di chi ancora è in ricerca. Ancor di più, tutti i suoi dirigenti devono essere particolarmente competenti e formati non solo sulle attività sportive ma anche nelle scienze umanistiche e teologiche, per rendere ragione del proprio essere. Dice ancora Papa Benedetto XVI: “Professare con la bocca, a sua volta, indica che la fede implica una testimonianza ed un impegno pubblici”. L’esemplarità

dei dirigenti e di tutti i tesserati è una vera sfida per confermare la credibilità di una associazione che nasce dalla Chiesa e costantemente si ispira si suoi principi evangelici e di dottrina sociale.

Lo sport, dunque, testimonia le sue potenzialità di vero collaboratore nel

cammino di fede e maestro dell’animo umano. Lo sport è una porta attraverso la quale incontrare Gesù e vivere esperienze di fede.

Hanno affermato che la coscienza è un muscolo che si può allenare;

similmente, si può allenare la fede, la preghiera, la vita ecclesiale e sacramentale.

Come insegna lo sport, da protagonisti e non da spettatori.
Mons. Claudio Paganini

Consulente ecclesiastico Nazionale

Roma 21 settembre 2012

San Matteo, apostolo ed evangelista
VIA CONCILIAZIONE 1 – 00193 ROMA –

TEL 06 68404530/50 FAX 06 68802940 –

CLAUDIO.PAGANINI@CSI-NET.IT

  • Share/Bookmark

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.


ALTRI ARTICOLI DELLA CATEGORIA:

Blog Archives

Tavolo Tecnico per la Cultura dell’Agibilità Civitavecchia richiede la Commissione locale per rilascio Patenti Speciali

mag 17th, 2021 | By
tta-passeggiata

Il  Tavolo Tecnico per la Cultura dell’Agibilità - attività di organizzazione per la tutela dei cittadini – di Civitavecchia richiede al Vice Presidente della VII Commissione Regionale – Dott. Paolo Ciani – la Commissione locale per rilascio Patenti Speciali Civitavecchia 16 Maggio 2021 La commissione si incontrerà a via Cadorna martedì 24 settembre, Il  Tavolo Tecnico
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


Regione lazio: audizioni sui Diritti delle persone con disabilità

apr 19th, 2021 | By
regione-lazio-barriere-architettoniche

ELENA DE PAOLIS: “Proposta di legge piena di tante condivisibili iniziative e intenti”. Diritti delle persone con disabilità, nuove audizioni sulla proposta di legge regionale n. 169 concernente: ”Promozione delle politiche a favore dei diritti delle persone con disabilità” Roma 13/04/2021 – Sentita la presidente della Consulta regionale per la salute mentale, Daniela Bezzi Si è
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


Il Governo Draghi vara i decreti di Spadafora: APPROVATA LA RIFORMA COME CAMBIA LO SPORT.

apr 17th, 2021 | By
associazioni-sportive-dilettantistiche-asd-2-studio-turnaturi

tt-magazine_n2_web In extremis il Governo Draghi vara i decreti di Spadafora Abolizione del vincolo, ma non solo: tutte le novità su Associazioni ed Enti Dilettantistici, Registro Sportivo www.altroconsumo.it inchiesta_cartellini-sport 20 Altroconsumo 322 • febbraio 2018 I giovani dilettanti non sono liberi di cambiare squadra quando vogliono, per anni. E all’ombra del vincolo, nasce il business di chi chiede soldi per il riscatto. SPORT
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


Elena De Paolis: “serve un vero cambiamento culturale e sociale per fronteggiare la sfida dell’inclusione messa alla prova dal Covid-19

feb 17th, 2021 | By
img-20200108-wa0008

 MAURO ALESSANDRI, Assessore ai Lavori Pubblici e Tutela del Territorio, Mobilità della Regione Lazio: “Approvati criteri per CONTRIBUTI AI COMUNI per eliminazione barriere architettoniche “strumento prezioso per i Comuni che decidono di lavorare concretamente all’accessibilità del proprio territorio” Civitavecchia 16 Febbraio 2021 Comunicato Stampa La presidente Elena De Paolis del Tavolo Tecnico “la Cultura dell’agibilità”
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


CALCIO. Gli allenatori di Eccellenza e Promozione chiedono chiarezza al presidente Zarelli

nov 10th, 2020 | By
calcio-x-allenatori

I tecnici dei campionati laziali hanno scritto una lettera al Cr Lazio per chiedere una decisione chiara. Tra di loro anche gli allenatori di Civitavecchia, Corneto Tarquinia e Ladispoli www.bignotizie.it Civitavecchia Novembre 9, 202048 Alzano la voce gli allenatori di Eccellenza e Promozione del Lazio. Lo fanno per mezzo di una lettera inviata al presidente Zarelli
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


Tutti gli articoli della categoria