Apnea

ago 30th, 2006 | By | Category: Sport Acquatici
  • Share/Bookmark

108L’apnea è stata la prima forma d’immersione praticata dall’uomo e rappresenta ancor oggi il modo più istintivo di andare sott’acqua.
La possibilità di andare sott’acqua in apnea si fonda sull’adattamento fisiologico chiamato “riflesso d’immersione” che accomuna tutti i mammiferi, dal delfino al bradipo, dalla foca al cane, anche se in gradi diversi. Il riflesso d’immersione è sorprendentemente sviluppato nell’uomo, sebbene non sia un animale prevalentemente acquatico.
Storia
Le origini delle esplorazione dei fondali marini, effettuate con questa tecnica per vari scopi, si perdono nella notte dei tempi e coinvolgono la cultura di molti paesi. I primi apneisti si spingevano sott’acqua per raccogliere conchiglie, oggetti preziosi o utili quali il corallo, le perle o le spugne.
Per molti anni l’apnea rimase inconsapevole di sé stessa e delle proprie potenzialità, fino a che a metà Novecento esplose una vera e propria “corsa alla profondità” che vide protagonisti autentici pionieri come Enzo Maiorca, Jacques Mayol e più recentemente, Umberto Pelizzari e Pipin Ferreras.

L’apnea pura, con il suo profondismo, cioè immergersi negli abissi con le proprie forze, presenta aspetti per certi versi straordinari: la riscoperta della propria acquaticità va di pari passo con la conoscenza di sé stessi e dei propri limiti psicofisici.Fisiologia dell’apnea
L’aria contenuta negli alveoli polmonari, a causa degli scambi gassosi con il sangue, ha una composizione diversa da quella atmosferica. Laddove l’aria atmosferica è costituita al 78% da azoto, al 21% da ossigeno, da piccole percentuali di altri gas e da una minima concentrazione di anidride carbonica, l’aria presente negli alveoli ha una concentrazione di ossigeno pari al 15% circa e di anidrida carbonica pari al 5,6%. Le concentrazioni nel sangue sono ancora diverse ma grazie alla respirazione e al continuo scambio gassoso le concentrazioni dei vari gas restano costanti.
ipossia: Durante l’apnea viene interrotta la respirazione ma ovviamente non lo scambio gassoso, si ha quindi una progressiva riduzione della concentrazione di ossigeno nell’aria contenuta negli alveoli e di conseguenza nel sangue. Se la concentrazione cala sotto un certo livello (pari al 10% nell’aria alveolare) non è più sufficiente per garantire il funzionamento del metabolismo, l’ipossia determina perdita di conoscenza (sincope) e, in mancanza di intervento immediato, danni cerebrali gravi e morte

ipercapnia: contestualmente durante l’apnea aumenta la concentrazione negli alveoli e nel sangue dell’anidride carbonica. L’aumento della concentrazione oltre il 7% ha come conseguenza l’attivazione di alcuni stimoli chemiotattici che attivano la muscolatura respiratoria provocando delle contrazioni involontarie del diaframma. Se la concentrazione sale ulteriormente si ha un calo di funzionamento del cuore e dell’apparato muscolare, oltre il 10% insorge la paralisi respiratoria, cessa l’attività cardiaca e si ha la morte.

Come si evince da quanto descritto sopra l’ipossia non ha alcun segnale premonitore mentre l’ipercapnia è corredata da una serie di “segnali d’allarme”.
Apnea profonda
Uno dei fenomeni più particolari che coinvolgono l’organismo nella discese molto profonde, è lo spostamento del sangue dal grande al piccolo circolo (blood shift).
Questa particolare capacità di adattamento che accomuna l’uomo a tutti i mammiferi marini e che incoraggia le tesi di coloro che ci vogliono discendenti dal mare, instaura all’interno del nostro torace una massa liquida incomprimibile che ne impedisce l’implosione (i francesi, con un’espressione pittoresca, chiamano questo fenomeno erezione polmonare, gli inglesi più semplicemente, spostamento del sangue).
Attività agonistica
Nell’attività agonistica legata all’apnea si distinguono tre tipologie:
apnea statica

apnea dinamica

apnea profonda a sua volta divisa in

apnea in assetto costante

apnea in assetto vanriabile regolamentato

apnea in asseto variabile assoluto

L’attività agonistica è relativamente recente, l’organizzazione del primo campionato mondiale (vinto dalla squadra italiana) risale al 1996 e si deve ad una rivista del settore, le competizioni successive non hanno avuto cadenza regolare.
L’attività didattica e agonistica dell’apnea ha luogo, in Italia, sotto l’egida della Federazione Italiana Pesca Subacquea e Attività Subacquee (FIPSAS).

  • Share/Bookmark

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.


ALTRI ARTICOLI DELLA CATEGORIA:

Blog Archives

FIPSAS: Campionato Italiano di Pesca con Canna da Riva a Civitavecchia il 17 e 18 ottobre p.v..

ott 16th, 2020 | By
fipsas-slide_discipline_cannadariva

Pesca, weekend tricolore al Porto trcgiornale.it: Redazione TRC il: 16 Ottobre 2020, Atteso evento per gli appassionati di pesca con canna da riva alla banchina 28 del Porto. Domani e domenica si disputerà il Campionato Nazionale di Pesca da Riva Master. Dopo 20 anni la nostra città torna ad ospitare una manifestazione di rilevanza nazionale,
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


L.N.l. di Civitavecchia al Campionato zonale di windsurf Sette podi

ott 15th, 2020 | By
lega-navale-surf-campionato-zonale-2020

Ben sette i podi conquistati dagli atleti civitavecchiesi. Tra gli under 15 U15 Vitali Giulia 2° assoluta e 1° femminile, Barbera Gaia 3° assoluta e 2° femminile e Letterio Andrea Milea 2° maschile e 5° assoluto. Tra gli under 13 Evangelisti Alice 1° assoluta, Molentino Flavio 3° assoluto e 2° maschile. Nel CH3 Mecucci Davide
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


PALAGALLI. Il vice presidente della Snc Simone Feoli: serve un miracolo finanziario

ago 22nd, 2020 | By
simone-feoli

www.bignotizie.it - Faccia a faccia con l’avvocato e vice presidente della Snc, intervistato da Giampiero Romiti. Feoli a tutta vasca: “Per gestire il PalaGalli serve un miracolo finanziario” https://www.bignotizie.it/feoli-a-tutta-vasca-per-gestire-il-palagalli-serve-un-miracolo-finanziario/?fbclid=IwAR3DNzlfkG-q0MPHHOaGqD9cIx8rUzWhfgxVuhnV5vTgs326mvTGX_ZeYuE Agosto 22, 2020 di GIAMPIERO ROMITI Avvocato Feoli, mettiamo subito a fuoco una questione senz’altro fondamentale. E’ ancora il vice presidente della Snc o s’è dimesso dalla carica?
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


Il Comune di Civitavecchia onora Marco Del Lungo e Giovanni Melchiorri alle ore 9,30 del 31/07/2019 in Consiglio Comunale

lug 30th, 2019 | By
fin-pallanuoto-mondiale

Domani alle ore 9,30, in apertura del Consiglio Comunale, l’Amministrazione Comunale intende onorare i nostri concittadini che hanno partecipato con la nazionale azzurra di pallanuoto alla XVIII edizione dei Campionati del mondo, che si sono svolti dal 12 al 28 luglio 2019 nella città di Gwangju nella Corea del Sud, vincendo il prestigioso titolo di
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


PALLANUOTO. Settebello è Campione del mondo! Spagna-Italia 5-10.

lug 28th, 2019 | By
fin-pallanuoto-mondiale

Due civitavecchiesi sul tetto del mondo: il portiere Marco Del Lungo e il medico Giovanni Melchiorri. Il commento di Del Lungo. “Ancora non ci credo, è l’emozione più grande della mia vita. Siamo stati grandiosi dall’inizio alla fine”.  Settebello sul trono mondiale. Padroni e campioni del mondo. Stradominata la Spagna in una partita con gli avversari
[continue reading...]

  • Share/Bookmark


Tutti gli articoli della categoria